Home / Trucco cinematografico  / Film: Ho sposato una Strega

Film: Ho sposato una Strega

Ho sposato una strega è un film del 1942, diretto da René Clair e interpretato da Veronica Lake, Cecil Kellaway e Fredric March.

In questa pellicola la star è senza dubbio un spregiudicata Veronica Lake, che interpreta una strega un po’ vendicativa e maldestra, che finisce infine per innamorarsi di un mortale, i cui antenati l’avevano messa al rogo.

Il Make-up Artist del Film: Wally Westmore

Walter ‘Wally’ James Westmore è stato il make-up artist di svariati film di Hollywood.

Wally, nato il 13 febbraio 1906, era uno dei sei fratelli divenuti tutti grandi make-up artist cinematografici, figli di uno dei pionieri del make-up, George Westmore.

La carriera di Wally Westmore ebbe inizio con il grande successo del film Dott. Jekyll e Mr. Hyde nel 1931;

la transizione di Fredric March da Jekyll a Hyde è considerata una delle più innovative nel campo del trucco cinematografico.

Wally Westmore curò anche il look di Audrey Hepburn in numerosi film, come Sabrina e Cenerentola a Parigi.

Lavorò per più di 300 film, la maggior parte per Paramount.

I Look della Protagonista

L’attrice principale del film è proprio la stupenda Veronica Lake, che interpreta la buffa strega.

Veronica incarna il ruolo alla perfezione;

pertanto il suo magico fascino è perfetto per l’affascinante strega.

Il look è proprio quello che contraddistinse Veronica Lake.

Immancabili inoltre i suoi lunghi capelli biondi, rigorosamente sciolti, perfetti per dare l’idea di una ammaliatrice.

Il suo Peekaboo Bang (=bubusettete), l’acconciatura espressamente studiata per lei, che consisteva infatti in un’onda studiata appositamente per coprire il suo occhio, in modo da celare il suo strabismo di Venere e conferirle un’aria di mistero.

Per il make-up ovviamente niente di eccessivo, perfettamente in linea con lo stile degli anni ’40.

Le sopracciglia erano arcuate, l’occhio era strutturato in modo semplice, le ciglia erano quindi lunghissime e una leggerissima intensificazione della rima ciliare.

Il focus erano le labbra, di un bel rosso vermiglio, proprio come prediligeva la Color Harmony per le donne dai capelli biondi.

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.

NO COMMENTS

POST A COMMENT