Home / Clown White

Clown White

Clown white

Il significato clown white è quello di pagliaccio, che è un aggettivo associato spesso a una persona poco seria.

La Nascita

La figura del clown risale alla apparizione dei personaggi clowneschi che ricordano i riti dionisiaci, le antiche feste greche che venivano organizzate in onore del dio Dioniso; infatti durante queste cerimonie si svolgevano gare poetiche buffonesche e spettacoli comico-satirici che con semplicità e ironia attiravano l’attenzione di un consistente pubblico.

Dagli antichi improvvisatori delle feste si sprigionò il desiderio e la necessità di creare gioia e riso: era nata così una vera forma d’arte ed un nuovo mestiere, considerato però inferiore soprattutto dalle classi nobili, che affibbiarono ai primi attori comici il soprannome di buffoni o giullari, in modo dispregiativo.

Nel XVIII secolo nacquero le prime compagnie attoriali che regalavano al pubblico momenti di più puro divertimento, così in poco tempo il teatro dovette fare i conti con una nuova forma di spettacolo: Il Circo, descritto come una grossa costruzione mobile di forma circolare, così i clown, ma ben presto si accorsero dell’opportunità che il circo equestre poteva offrire loro, dal momento che essi costituivano un momento leggero e avevano il compito di rilassare gli spettatori. Il clown col tempo però inizia a perdere l’attenzione del pubblico adulto, attirando ormai solo i bambini.

Il Clown White

Il clown white lite è stato lanciato da Mehron azienda di Broadway che spopola nella seconda metà degli anni’20. La formulazione del prodotto liscio denominato “montata clown white”, è stata eseguita dai chimici della Mehron portando alla creazione di Mehron Clown Lite. Il clown white è un prodotto altamente pigmentato, che offre il massimo candore, mantenendo una copertura completa e di facile applicazione.


 In collaborazione con K. Incitti

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.