Home / Contrasto di Simultaneità

Contrasto di Simultaneità

Contrasto di Simultaneità uno dei sette contrasti di Itten

Il contrasto di simultaneità, o anche detto da Chevreul nel 1840 “contrasto simultaneo reciproco”, è uno dei sette contrasti di Itten e afferma che ogni colore può produrre simultaneamente il proprio contrario e l’effetto è tanto più forte quanto più dura l’osservazione del colore dominante, e quanto più questo è luminoso.

Il colore prodotto simultaneamente esiste solo nella percezione di chi guarda e non nella realtà esterna; è il fenomeno per cui l’occhio che viene sottoposto a un colore ne esige simultaneamente il complementare, se non lo riceve se lo rappresenta da sé.

Il Contrasto di Simultaneità, infatti, è solo un effetto ottico che non può essere catturato da qualsiasi obbiettivo, quindi esiste solo come percezione cromatica.

E’un effetto che fa percepire la presenza di un colore pur nella sua assenza

Questo avviene perché il nostro sistema percettivo cerca di bilanciare i colori al fine di ottenere un’armonia cromatica. Ad esempio, se poniamo un quadratino grigio neutro al centro di un qualsiasi colore, noteremo che questo quadratino assumerà sfumature differenti in base al colore cui abbinato.

Solo il contrasto simultaneo rende il colore idoneo ad un impiego estetico. – Goethe –

Così, più sfondi colorati avremo, più gamme di grigio otterremo, quindi questa, che potremmo definire una “muta influenza di colore”, è assolutamente essenziale per ogni artista. Poiché le tinte più belle si possono ottenere proprio senza avere il bisogno di esprimerle materialmente, proprio perché due colori non saranno mai solo due, se accostati con criterio e sapienza.

Ogni colore è eclettico e relativo, instabile, può produrre una vasta gamma di possibilità percettive

Più specificamente, per questo tipo di contrasto, è essenziale il rispetto della legge dei colori complementari, poiché il nostro occhio, sottoposto a un determinato colore, ne esige in maniera simultanea il suo complementare, e non avendolo, se lo rappresenta da sé. L’effetto ottico dato dal contrasto di simultaneità sarà tanto più intenso, quanto più a lungo l’osservatore fisserà l’opera e quanto più luminoso sarà il colore dominante.

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.