Home / Sintesi sottrattiva del colore

Sintesi sottrattiva del colore

La sintesi sottrattiva del colore sottrae alla luce bianca parte dei colori di cui è composta

facendola passare attraverso filtri che bloccano tutti i colori facendosi attraversare solo dal colore proprio.Ne deriva che con questo sistema della sintesi sottrattiva del colore possiamo colorare la luce bianca e sovrapponendo più filtri, annullare la luce realizzando il buio.

Abbiamo la possibilità di gestire una vasta gamma cromatica luminosa partendo dalla luce normale bianca dove per sintesi sottrattiva la rendiamo monocromatica (es. rosso verde blu magenta giallo ciano) e per sintesi additiva la ritrasformiamo in qualsiasi colore.

Questo metodo prende il nome di tricromia, riconosciuta dalla sigla in inglese dei tre colori complementari YMC.

L’esempio più semplice di sintesi sottrattiva si ha sovrapponendo più filtri colorati: il colore che giunge al nostro occhio è quello che riesce a passare per tutti i filtri; ogni filtro sottrae una parte della luce che lo attraversa e questo giustifica il termine sottrattivo. Pittori e disegnatori e i truccatori per miscelare i colori stendono con pennelli (o matite) strati di colore sovrapposti sulla tela (o la carta) e quindi di fatto realizzano una serie di filtri colorati. Si tratta quindi di una sintesi sottrattiva.

N.B. Spesso si dice che nel disegno i colori fondamentali sono il rosso, il giallo e il blu; a stretto rigore si tratta di una dizione scorretta che andrebbe corretta in rosso-magenta, giallo, blu-ciano. Altro esempio di sintesi sottrattiva è quella utilizzata dalle pellicole foto e cinematografiche a colori: la pellicola è in effetti ricoperta di tre strati sovrapposti uno giallo, uno magenta, uno ciano.

Riassumendo si può dire che togliendo alla luce bianca un certo colore si ottiene il suo complementare cioè quello che è diametralmente opposto nel cerchio dei colori

  • BIANCO-ROSSO= VERDE+BLU= CIANO
  • BIANCO-VERDE= ROSSO+BLU= MAGENTA
  • BIANCO-BLU= ROSSO+VERDE= GIALLO

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.