Home / Trucco fotografico

Trucco fotografico

Il trucco fotografico rappresenta la dimensione più complessa del make up

Quella del trucco fotografico è una dimensione particolare che implica di aver presente, anzitutto, la funzione svolta dalla luce, così come per il cinema, il teatro e la televisione. Basta pensare che il trucco e le specializzazioni del make up nascono in questi settori e la tecnica è sviluppata per questi ambiti.

Gli ambiti della fotografia sono diversi:

  • ritratti per editoriali a personalità
  • servizi di moda
  • pubblicità
  •  cerimonia

e in questo ambito non basta saper eseguire il contouring per essere considerato un buon truccatore. Vari ambiti prevedono diversi modi di approccio della fotografia e del make up.

Quando la fotografia ha il fine di pubblicizzare un prodotto di moda o cosmesi o pubblicità in genere l’intero look è concepito dall’ufficio stile, stilyst, costumista fotografo e truccatore, mero esecutore ma comunque può partecipare tecnicamente alla tavola rotonda.

Non affidare la riuscita dell’immagine a Photoshop

Nei servizi fotografici dove il protagonista, maschile o femminile, è un personaggio pubblico, l’approccio da utilizzare è sicuramente quello del confronto  la sua immagine professionale.

Stesso approccio nel trucco da cerimonia, dove il confronto tra truccatore e cliente deve necessariamente portare alla soddisfazione completa per esempio la sposa, attraverso prove trucco e consulenze sulle aspettative del grande giorno.

Fotografia vuol dire “scrivere con la luce”

In passato in epoca della fotografia analogica era tutto più complesso, poiché le dominanti di luce: flash o continua al tungsteno, creavano dominanti di colori che dovevano necessariamente essere compensate dal fotografo in fase di ripresa con filtri, gelatine ed esposizione, e dal truccatore che avrebbe valutato la luce esattamente come si fa in teatro. In epoca DGT è tutto più semplice sia durante le riprese che in post produzione.

Generalmente il fotografo sovraespone le immagini in fase di ripresa

ne consegue che se il make up non è sufficientemente saturo, i dettagli si perderanno

Per affrontare al meglio i set conoscere la luce e come si comporta è basilare, solo in questo modo il truccatore saprà saturare nel modo giusto un make up.

La linea generale è. Luci dirette e forti appiattiscono, luci diffuse mostrano più particolari, temperatura di colore K° (gradi Kelvin) calda mette in evidenza le zone luminose del make up ed i volumi sembrano più ampi, temperatura di colore fredda mette in evidenza zone d’ombra ed i volumi risultano più duri.

Conoscere la qualità della luce è fondamentale

L’immagine fotografica ha la caratteristica di bloccare in un unico frame la storia che si sta raccontando, e generalmente vuole regalare una proiezione migliore della realtà(pubblicitaria, moda, editoriali ecc..). questo comporta una capacità critica nel dettaglio di chi la osserva. per questo tutto deve essere perfetto e dettagliato.


Photo G. Savelli

Make up allievi Romeur Academy

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.