Home / Acrilici

Acrilici

Acrilici da quasi 100 anni colorano il mondo

I colori acrilici furono utilizzati per la prima volta intorno agli anni Venti, quando un gruppo di messicani decise di raccontare alcuni episodi della storia messicana attraverso dei murales. Da allora, si svilupparono ed ebbero un enorme successo, arrivando fino ai giorni nostri. L’utilizzo di questi colori però, non si limita soltanto alla pittura, ma vengono utilizzati anche nel mondo del makeup.

C’è una netta distinzione da fare: i colori acrilici per pittura non sono gli stessi da utilizzare nella fase trucco! Mentre le vernici da pittura sono formate da pigmenti e resina acrilica di origine chimica, gli acrilici destinati al makeup sono a base di silicone.

Si possono utilizzare sia sul corpo che sul viso

È una tra le tecniche più utilizzate, poiché sono idrorepellenti e molto più resistenti degli altri colori per body painting (supracolor, aquacolor, colorcream); inoltre offrono una grande elasticità e si adattano perfettamente alla pelle senza screpolarsi.

Il colore applicato sulla pelle secca rapidamente, eliminando così il rischio di sbavature

Il metodo dei colori acrilici richiede molta manualità ed è uno tra i più costosi. Vengono utilizzati maggiormente quando si vuole un’alta resa fotografica, poiché restano molto lucenti sulla pelle e, grazie a ciò, in foto consentono un risultato ottimale.

possono essere applicati con pennelli, spugne o con l’aerografo

Oltre i classici colori, possiamo trovare in commercio gli acrilici reattivi ai raggi UV (o fluo). Quando si utilizzano queste tipologie di colore è consigliabile lavorare al buio, illuminati soltanto dalle lampade apposite, in modo tale da vedere in tempo reale il lavoro che si sta svolgendo.

Gli acrilici si eliminano dal corpo con acqua e sapone; benché siano atossici, è preferibile non mantenerli sul corpo per lunghi periodi.


In collaborazione con L. Tafuri

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.