Home / Make up Artists  / Max Factor: Padre dei Truccatori

Max Factor: Padre dei Truccatori

Gli Esordi

Maksymilian Faktorowicz, nome completo di Max Factor, che nasce nel 1877 a Lodz, in Polonia, da una famiglia ebrea molto povera, che non riuscirà a prendersi in carico la sua educazione. A nove anni comincia quindi a lavorare come apprendista parrucchiere ed estetista in un negozio in Polonia.max-factor-renee-adoree-

Dopo pochi anni decide di cambiare aria e di trasferirsi a Berlino, lavorando come parrucchiere.

A quattordici anni si sposta a Mosca dove lavora come estetista per l’Imperial Grand Opera; qui dai diciotto ai ventidue anni intraprenderà il servizio militare obbligatorio per l’esercito russo.il suo negozio 1938Finito il periodo di leva di quattro anni, aprirà il suo negozio vicino a Mosca, vendendo profumi, creme, rossetti e parrucche, tutto rigorosamente fatto a mano.

Una compagnia teatrale itinerante acquista i suoi prodotti e comincia a utilizzarli facendogli grande pubblicità.

La sua fama e il suo successo crebbero così tanto da fino alla nobiltà russa, divenne così l’esperto di cosmetici ufficiale della famiglia reale.

con Bette Davis

La Fuga in America

Si sposò con Lizzie e nel 1904 decise di scappare dalla Russia con lei e i loro tre figli, per il nuovo atteggiamento nei confronti degli ebrei.

Seguì perciò le orme del fratello e dello zio, e quando arriva in America;

A causa di un errore di trascrizione alla dogana, il suo nome si trasforma da Faktor a Factor.prodotti 1928

Nel Missouri, a St. Louis, iniziò una nuova vita vendendo i suoi prodotti fatti a mano, finchè il suo socio in affari non rubò tutto il suo denaro e la merce.maxfactor

Max sembra spacciato, ma con l’aiuto del fratello e dello zio riesce piano piano a ripartire, aprendo un negozio come barbiere.

Nel 1906 la moglie morì per un’emorragia cerebrale; successivamente si sposerà altre due volte.

Il Cinema

Seguendo il suo istinto, nel 1908 insieme alla sua famiglia si trasferisce a Los Angeles, dove vede la possibilità di sviluppare il suo lavoro in collaborazione con l’industria cinematografica, in grande crescita in quel periodo.

Inizia con la distribuzione di parrucche per alcuni film, e presto diventa distributore ufficiale per due dei principali teatri della costa occidentale.

Il Cerone Flexible

Grazie alla sua esperienza si accorge che il cerone utilizzato in teatro, anche se applicato in uno strato sottile, non è facile da lavore, e sullo schermo crea un effetto davvero pessimo.nel suo laboratorio 1920

Nel tentativo di sviluppare prodotti in grado di adattarsi al meglio alle crescenti esigenze del film-making, inizia a sperimentare nuovi composti.Max-Factor-Sr-with-microscope-300dpi

Le immagini sono in movimento e serve qualcosa in grado di coprire il viso mantenendo una durata impeccabile, evitando le crepe che spesso comparivano qualche ora dopo l’applicazione.

Così, per il look delle star Hollywoodiane inventa il Cerone Flexible, che dona agli attori un effetto più naturale come descritto in Make up 100 anni allo specchio” di Antonio Ciaramella Ed. Efesto.

La Rivoluzione del Makeup

Max Factor mise gli strumenti trasformativi dell’arte del make-up nelle mani delle donne qualunque,  per affermare ogni giorno il proprio stile personale.

  • 1916 – vende per la prima volta al di fuori del settore ombretti e matite per le sopracciglia.
  • 1918 – introduce il principio di Colour Harmony, secondo il quale le nuance del makeup vanno coordinate a complemento dei colori naturali delle donne.
  • 1920 – inventa il termine makeup e porta tra la gente comune il Society Makeup, donando alle donne la possibilità di emulare il look delle loro star preferite.
  • 1928 – crea il lucido per labbra, in seguito gloss, per donare lucentezza e glamour alle labbra delle attrici sullo schermo cinematografico.
  • 1935 – inventa il Beauty Calibrator.
  • 1935 – sviluppa il Makeup Pan-Cake per soddisfare le particolari esigenze cinematografiche di makeup correttivo, in grado di far ottenere un incarnato naturale. Prima del pan-cake l’aspetto della pelle del viso degli attori era, infatti, marrone o blu.Quando nota che le attrici iniziano ad usarlo anche per uso personale, capisce che anche al di fuori del cinema il pan-cake dona un incarnato perfetto e decide di metterlo in commercio. Il pan-cake è il precursore del fondotinta moderno.

Il Glamour Look

I prodotti e le tecniche per il makeup creati da Max Factor per l’industria cinematografica e la clientela hollywoodiana gli valsero un Oscar.

I look di star dell’epoca come Ava Gardner, Marlen Dietrich, Jean Harlow sono opera sua; anche se lui era convinto che il glamour dovesse essere alla portata di tutte le donne.

Non nasci glamour, il glamour si crea.

Max Factor

Così diceva Max Factor, ponendo alla base della sua filosofia la teoria che, con i giusti strumenti e le capacità dell’arte del make-up, qualsiasi donna potesse essere glamour.

Il Successore

Nel 1938, all’età di 66 anni, Max Factor muore, ma suo figlio decide di portare avanti il suo nome e ne condivide il talento di makeup artist, talentuoso e creativo.

A Max Factor Jr. dobbiamo attribuire le invenzioni del primo rossetto a lunga tenuta, Tru Color, The Erace, il primo correttore ad essere messo in commercio, e del primo mascara con applicatore.

 

 

POST TAGS:

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.

NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.