Home / Make up Artists  / Kevyn Aucoin

Kevyn Aucoin

Kevyn James Aucoin è stato un truccatore e fotografo americano.

Gli Esordi

Kevyn Aucoin è nato a Shreveport, in Louisiana, ed è cresciuto a Lafayette; i suoi genitori Io adottarono quando era molto piccolo attraverso la Catholic Charities of Alexandria. Ebbe tre fratelli, Carla, Kim e Keith, anch’essi tutti adottati.

Aucoin si interessò al trucco sin da bambino, spesso truccava le sorelle e fotografava i risultati con una fotocamera Polaroid.

Poichè temeva di acquistare prodotti di make-up, li rubava; però i sensi di colpa e la paura di essere scoperto alla fine lo convinsero a smettere.

La Lotta Contro Il Bullismo

Si rese conto di essere gay all’età di sei anni, e per questo fu spesso vittima di bullismo a scuola, finchè non si ritirò dopo che diversi compagni di classe lo inseguirono con un camion; anche i suoi genitori inizialmente non accettarono l’orientamento sessuale.

Si iscrisse alla scuola d’estetica, dove sperava di imparare di più sul make-up, ma alla fine fu lui a insegnare alla classe.

A 18 anni, Aucoin lavorava in un piccolo angolo di un esclusivo negozio femminile a Lafayette; ma le donne erano a disagio con un uomo che si truccava.

Nel 1982, Aucoin si trasferì a Baton Rouge, in Louisiana, sperando di iniziare una carriera come truccatore;

Ma dal momento che gli episodi di violenza continuavano, temendo per la sua vita, decise di trasferirsi a New York City con il suo allora fidanzato Jed Rootper iniziare la sua carriera.

La Carriera

Quando arrivò a New York, Aucoin truccava gratuitamente per costruire il suo portfolio, prima di essere scoperto da Vogue.

Nell’anno e mezzo successivo, lavorò ogni giorno con il fotografo di Vogue, Steven Meisel.

Nei tre anni successivi dal suo primo servizio di Vogue, ne fece altri 18 in totale.

Nel 1984, collaborò alla linea Revak Nakeds, la prima basata esclusivamente sui toni della pelle.

Tuttavia, la sua copertina di Vogue con la super modella Cindy Crawford nel 1986 portò la sua carriera in una nuova direzione.

Durante il 1987-89, ha fatto nove copertine di Vogue di fila e altre sette cover di Cosmopolitan.

Al suo apice, veniva spesso prenotato con mesi di anticipo e poteva richiedere fino a $ 6.000 per una sessione di trucco.

Il suo motto:

“E’ molto importante aiutare una donna a sentirsi bella, il trucco è semplicemente il suo strumento per aiutarla a scoprire se stessa.“

Sostenitore della filosofia secondo cui ogni donna è bella dentro, è stato uno dei truccatori più famosi della storia.

Ha iniziato a scrivere una rubrica per Allure; in un articolo nel 2000, chiamò i membri del National Rifle Association deficienti, ricevendo una quantità record di posta e alcune minacce di morte.

Rifiutava inoltre di truccare modelli che riteneva troppo giovani.

La Rivoluzione

Nel 1983, Revlon assunse Kevyn Aucoin, all’età di 21 anni, come direttore creativo per la loro prestigiosa linea di cosmetici Ultima II.

Un anno dopo, Aucoin lanciò The New Nakeds, una linea rivoluzionaria che era un forte contrappunto ai cosmetici disponibili all’epoca.

Linda Wells, redattrice della rivista Allure, parlò della linea:

Potrebbe non sembrare così, ma è stato un momento forte. Prima c’erano linee di trucco per le donne bianche e altre per le donne nere. Ma Aucoin ha lavorato per disegnare il trucco per tutti i toni della pelle. L’idea era di potenziare una donna rivelando la sua bellezza naturale e non coprirla con strati di prodotto.

I New Nakeds abbracciavano un’estetica radicalmente diversa dalla norma del tempo: fondotinta che presentavano un sottotono giallo, al posto del rosa o della pesca;

Gli ombretti, rossetti e rossetti erano di tonalità marrone, neutri e privi di colori pastello, vivaci o scintillanti che le società di cosmetici sapevano vendere meglio.

Sebbene all’epoca Ultima II fosse in declino, i New Nakeds resuscitarono l’interesse per il marchio e contribuirono a ristabilire Ultima II come un concorrente valido nell’arena del prestigio.

I colori, le trame e le finiture create da Kevyn Aucoin nei New Nakeds influenzò i marchi come MAC, Bobbi Brown e Laura Mercier, che lanciarono tutti la loro versione dei prodotti creata da Aucoin negli anni precedenti.

Più tardi, Aucoin lavorò con il gigante giapponese della cosmetica Shiseido sulla linea Inoui.In seguito sarebbe stato contattato da Vincent Longo e Laura Mercier per approvare le loro linee, ma nel 2001 decise di lanciare il proprio marchio, Kevyn Aucoin Beauty.

Le Sue Clienti

Aucoin lavorò con centinaia di celebrità tra cui Whitney Houston, Cher, Liza Minnelli, Janet Jackson, per cui ha curato anche la cover per l’album 1993.

Ma lavorò anche con Tina Turner, Gwyneth Paltrow, Lisa Marie Presley, Courtney Love e Vanessa L. Williams.

I Libri

Ha iniziato a pubblicare il suo lavoro nei libri: L’arte del trucco, Making Faces e Face Forward, due dei quali sono diventati i più venduti secondo la rivista Time;

Making Faces ha debuttato al numero uno.

I libri comprendevano personaggi famosi, uomini e donne di ogni giorno, compresa sua madre, in trucco e costume e talvolta anche protesi progettati per farli apparire come altre celebrità o personaggi storici.

Le Trasformazioni

Ha trasformato:Tori Amos in Mary, Queen of Scots;

Karen Elson as Elizabeth I;

Celine Dion in Maria Callas;

Drew Barrymore in Myrna Loy;

Lisa Marie Presley in Marilyn Monroe;

Christina Ricci in Édith Piaf;

Hilary Swank in Raquel Welch;

Winona Ryder in Elizabeth Taylor;

Tionne “T-Boz” Watkins in Josephine Baker;

Isabella Rossellini in Alla Nazimova ;

Martha Stewart in Veronica Lake.

In TV

Aucoin ha fatto apparizioni in Good Morning America e Oprah Winfrey Show.

È anche apparso come se stesso in un episodio di Sex and the City chiamato “The Real Me” (Stagione 4, Episodio 2), facendo il trucco di Carrie Bradshaw per una sfilata di moda durante la settimana della moda di New York.

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.

NO COMMENTS

POST A COMMENT