Calze cosmetiche

Calze cosmetiche Le Calze cosmetiche e la storia del trucco e dei cosmetici, impossibile non menzionarle

Calze cosmetiche

Calze cosmetiche

Le Calze cosmetiche e la storia del trucco e dei cosmetici, impossibile non menzionarle che per un certo periodo sono sembrate un’ottima alternativa a quelle di seta e nylon. Un argomento così importante e affascinante al quale ho dedicato un paragrafo in “Make up 100 anni allo specchio” Ed Efesto (Pag 268-271).

Il trucco durante i tempi della seconda guerra modiale

Qui in specifico voglio riportare l’azione laboriosa e non  semplice dell’applicazione di questo cosmetico che prevedeva diversi step fondamentali:

  • Strofinare le unghie con del sapone prima di cominciare poiché questo eviterà che si macchino di marrone.
  • Per evitare che il make up macchi o schizzi ovunque stare in piedi su un giornale e l’altra gamba in una vasca
  • Versare abbastanza prodotto da coprire la gamba e con movimenti circolari partire dal piede e salire in alto
  • Lavorare velocemente la zona prima che il prodotto si asciughi, modula la pressione poiché tocchi troppo pesanti lasciano segni e striature

Un lavoro lungo e complesso

  • Quando la gamba è coperta, picchiettare leggermente con i polpastrelli di entrambe le mani l’intera superficie, quando il trucco sembra attaccarsi alle dita smettere.
  • Non cercare di applicare altro prodotto una volta che quello sulle gambe sia asciutto o si formeranno delle striature
  • Fare attenzione a non far sfregare la gonna sulle gambe se ancora non sono perfettamente asciutte, o macchierà il capo e il lavoro si rovinerà.
  • Può capitare che le gambe si macchino per la pioggia. In quel caso aspettare che le gambe siano asciutte e strofinare con un fazzoletto di carta.
  • Per eliminare il cosmetico, stendersi nella vasca e strofinare con abbondante schiuma le gambe e sciacquare via il prodotto, successivamente procedere alla doccia, questo è l’unico modo per non sporcare eccessivamente il bagno e gli asciugamani di cosmetico.

Nel 1944 la produzione dei prodotti cosmetici e la composizione per il make up delle gambe migliora, a tal punto che non vi erano più gli inconvenienti delle striature o delle chiazze lasciate dalla pioggia.

Lo dichiara proprio il New York Times facendo presente che l’unico inconveniente è quello di una composizione che si asciuga troppo velocemente. Viene prodotto in tinte, stick, creme, lozioni e in vernice da strofinare.

Anche in Italia avveniva la stessa cosa, la conferma me l’ha data il titolare della Indio make up Luigi Soffietti. la conferma che suo nonno in quegli anni vendeva moltissime ciprie liquide per lo stesso scopo.

Source:

Antonio Ciaramella Make up 100 anni allo specchio Ed Efesto 2015

Richard Corson Fashion in Make up from ancient to modern times 1972 Universe book

Fotografia e make up, sono gli elementi cardine del percorso trasversale e dinamico che, sin da giovane, ha segnato l’animo di Antonio Ciaramella. Se le sue origini partenopee gli hanno conferito l’arte del parlare romantico, la sua determinazione l’ha portato ad inseguire costantemente la bellezza.

NO COMMENTS

POST A COMMENT